Progetto: a scuola con l’ARTETERAPIA. Esperienza in tre classi di Liceo Socio Psicopedagogico (2008)

SOMMARIO: L’Autore espone sinteticamente osservazioni e riflessioni sull’utilizzo di mezzi d’espressione e di comunicazione diversi dal linguaggio verbale usato quotidianamente: l’arte, come già noto usa un linguaggio fatto di simboli, metafore, analogie, segnali corporei, e sensoriali che si esplicitano attraverso attività grafiche, plastiche, di musica, di danza ecc. attività quasi sempre tutte legate al nostro inconscio.
Lo scopo dell’Arteterapia non è interessarsi al prodotto artistico in sé, scoprire talenti e facilitare esposizioni, ma avvicinarsi all’esperienza interiore che questo prodotto veicola. Il ricorso all’arte e ai rituali del fare creativo, da sempre specificità degli artisti, è proposto come codice condiviso che dà agli studenti la possibilità di un lavoro introspettivo e cognitivo in una relazione transferale consapevole. Sono stati proposti 2 interventi in tre classi di Liceo Socio Psicopedagogico: Sono stati coinvolti due Arteterapeuti , 5 docenti e un totale di circa 40 alunni/e.; successivamente
Sono stati coinvolti: un’artista scultrice, 1 docente e 20 alunne.

ABSTRACT: This article presents briefly observations and reflections, of pedagogical esperience on action research by art therapy in Liceo Socio Psicopedagogico in Chioggia. That combines traditional psychotherapeutic theories and techniques with an understanding of the psychological aspects of the creative process, especially the affective properties of the different art materials.. Expressive therapy is predicated on the assumption that student can heal through use of imagination and the various forms of creative expression. Ther was two stages in three class-romms of Secondary school in Chioggia.

di Ruggeri Fortunata

Scarica l’articolo

Centro informativo privacy

Close your account?

Your account will be closed and all data will be permanently deleted and cannot be recovered. Are you sure?